Sanificazione condizionatori

Durante la stagione estiva, con le temperature altissime che solitamente si raggiungono, il condizionatore si rivela essere un oggetto di estrema importanza tanto nella propria abitazione, quanto negli uffici, sia pubblici che privati. 
Tuttavia, perché svolga al meglio il proprio compito, è necessario prima che sopraggiungano i mesi più caldi, che il condizionatore venga sottoposto ad un controllo generale volto a verificarne e preservarne l’efficienza.

Un altro aspetto importante che non va assolutamente trascurato è, inoltre, quello relativo alla cosiddetta sanificazione del condizionatore; con questo termine, nello specifico, si intende una pulizia più accurata e meticolosa, che va ben oltre la semplice manutenzione ordinaria. 
La sanificazione, in particolare, risulta essere fondamentale per la tutela della salute delle persone in quanto, grazie ad essa si riesce a ridurre notevolmente il numero di batteri che si annidano all’interno dei filtri del climatizzatore ripristinandone, in questo modo, la capacità di ripulire l’aria da polvere, pollini, smog e da tutte le altre particelle che possono causarci fastidi vari. Questo processo inoltre è divenuto obbligatorio per legge a partire dal 2009, a seguito di un decreto che sancisce di eseguire tale operazione almeno ogni due anni. 

Data la sua importanza, quindi, non è affatto difficile intuire come sia preferibile rivolgersi ad una ditta di pulizie affidabile e all’avanguardia, in grado di effettuare nella maniera più efficace ed accurata possibile la sanificazione del condizionatore

La bonifica, nello specifico, si compone di alcuni step fondamentali che non possono per nessun motivo essere trascurati. 
Per prima cosa, infatti, si dovrà procedere alla pulizia dell’unità esterna, facilmente eseguibile con l’ausilio di un semplice panno cattura polvere. Successivamente, questa viene smontata e l’attenzione si sposterà sui filtri dell’aria. Questi, dovranno essere accuratamente lavati con acqua e sapone rigorosamente neutro, risciacquati scrupolosamente e successivamente asciugati alla perfezione, preferibilmente in un ambiente riparato per non rischiare che si sporchino nuovamente. Una volta che saranno completamente asciutti, bisognerà provvedere a spruzzare sui filtri un apposito disinfettante, in grado di eliminare funghi e batteri e di impedire che questi ultimi, dopo l’avvio del climatizzatore, vengano rilasciati nell’ambiente. 



Altro passo fondamentale per la pulizia completa del condizionatore consiste nell’irrorare con dell’aria compressa tutte le canalizzazioni e le bocchette di emissione, in modo da eliminare definitivamente polveri ed eventuali altre particelle. 

Un’operazione particolarmente delicata, che necessita obbligatoriamente di personale con una consolidata esperienza nel settore, è costituita dalla rimozione delle incrostazioni di umidità, presenti principalmente in condizionatori vecchi che non vengono fatti pulire da diverso tempo, che costituiscono l’ambiente ideale per la proliferazione di pericolosi batteri che, a lungo andare, possono causare infezioni alle vie respiratorie e allergie croniche. 
In rete è possibile trovare innumerevoli guide in cui viene illustrato come poter provvedere autonomamente alla sanificazione del proprio condizionatore; tuttavia, ciò richiede un’estrema dimestichezza nel campo, unita a molta pazienza e meticolosità, il fai da te in questo caso, non è garantisce il raggiungimento di risultati ottimali. 

Il consiglio è quindi quello di affidarsi ad imprese di pulizie che svolgono tali operazioni da anni, e che sono, quindi, in grado di garantire una perfetta riuscita dell’operazione. 

La bonifica, infatti, ha una duplice importanza: oltre a costituire un’operazione volta a preservare la salute, come abbiamo potuto vedere, consente anche di migliorare l’efficienza del condizionatore con innegabili vantaggi di natura economica, dato che un climatizzatore pulito consumerà molto meno di uno sporco. 

Considerando in maniera congiunta questi aspetti niente affatto trascurabili, e valutando accanto ad essi l’obbligo legislativo di eseguire la sanificazione nel rispetto di determinati requisiti, viene spontaneo chiedersi se sia effettivamente il caso di provvedere da sé a tale compito o se sia meglio rivolgersi a dei professionisti che, nel giro di alcune ore, svolgeranno un’operazione di pulizia accurata ed efficace del condizionatore. 

Ognuno, ovviamente, farà questa scelta sulla base delle proprie esigenze, ma è bene precisare ancora una volta, in conclusione, che quando si tratta di tutelare la nostra salute e quella dei nostri cari è estremamente importante prendere la giusta decisione!

Condividi su