Diamanti e certificati di garanzia

Che cos’è il certificato gemmologico dei diamanti?

Il diamante è una gemma davvero preziosa e affascinante il cui acquisto per rivenderla, collezionarla o regalarla richiede grande attenzione alle sue reali caratteristiche e origini in modo che possa essere classificata e quotata correttamente. Ebbene parlando di diamanti, gemme rare e pietre preziose è opportuno porre l’accento sul certificato gemmologico, ossia l’attestato che garantisce l’autenticità dei gioielli. In particolare i certificati di garanzia dei diamanti devono essere rilasciati da rinomati istituti gemmologici.

A tal riguardo bisogna ricordare l’Alto Consiglio dei Diamanti che ha sede ad Anversa, una città portuale situata in Belgio soprannominata la capitale mondiale dei diamanti nel cui centro si trova l’antico Quartiere dei Diamanti e in cui ha sede anche l’Istituto Gemmologico Internazionale (IGI). In aggiunta riguardo ai certificati di garanzia dei diamanti, che hanno rilevanza sia in campo nazionale sia internazionale, si sottolinea che questi documenti identificativi di tali pietre durissime, brillanti e cristalline ne riportano gli elementi oggettivi e distintivi.

Dunque su tali certificazioni di garanzia è possibile scoprire la qualità, il colore, la brillantezza, la forma, le misure, le peculiarità del taglio, la purezza e il peso misurato in carati di ogni diamante. Per di più tali elementi oggettivi sono indispensabili per una corretta classificazione e stima economica dei diamanti stessi.

Come si ottiene il certificato gemmologico dei diamanti?

Per ottenere il certificato gemmologico dei diamanti bisogna rivolgersi a un laboratorio gemmologico cui consegnare o spedire le gemme sulle quali si vuole investire. In particolare un laboratorio gemmologico è in grado d’identificare la varietà mineralogica e l’origine dei diamanti, ad esempio se sono naturali o sintetici, e i trattamenti, magari col laser, cui potrebbero essere stati sottoposti per purificarli o abbellirli che tuttavia li svalorizzerebbero sul mercato. Più nello specifico gli esperti gemmologi e i periti che lavorano in tali laboratori hanno il compito di eseguire sia delle analisi qualitative sia delle perizie oggettive dei diamanti impiegando degli specifici strumenti d’indagine quali microscopi, bilance, spettroscopi, polariscopi e rifrattometri.

Inoltre presso tali laboratori gemmologici i diamanti possono anche essere sigillati ai fini della sicurezza su richiesta degli interessati.

Quanto è utile il certificato gemmologico all’atto dell’acquisto di un diamante?

All’atto dell’acquisto di un diamante il certificato gemmologico che lo accompagna è davvero utile poiché consente in modo semplice, preciso e veloce di fare una stima sicura della gemma considerata e dei paragoni attendibili con altri diamanti.

Quali sono i certificati di garanzia dei diamanti più affidabili?

Fra i certificati di garanzia dei diamanti più affidabili e conosciuti sul territorio italiano è bene mettere in evidenza:

– la certificazione GIA, che viene rilasciata da un istituto gemmologico statunitense con sede a Los Angeles meritevole di aver lanciato il metodo di classificazione internazionale delle 4 C, ossia cut (taglio), colour (colore), clarity (purezza) e carat (peso in carati);
– il certificato IGI, il quale viene rilasciato dall’Istituto Gemmologico Internazionale;
– l’attestato HRD, acronimo di Hoge Raad voor Diamant, che viene rilasciato dall’Alto Consiglio dei Diamanti.

A Roma consigliamo di rivolgersi alla IGR Diamanti Roma per ottenere il certificato di analisi gemmologia per pietre non montate, un laboratorio di professionisti che da diversi anni opera con grande competenza nel settore delle pietre preziose.

Leggi altro

Dove posso vendere le mie perle?

L’eleganza e la finezza racchiuse in una collana di perle hanno pochi rivali: è un simbolo di ricchezza e di stile che spesso tramandato di generazione in generazione o che è oggetto di regali importanti in occasioni speciali.
Possedere delle perle equivale ad avere un piccolo tesoro ma, come certamente sa chi si è avventurato sul mercato di questi oggetti, non è affatto semplice rivenderle e ricavare la somma corrispondente.

La particolarità delle perle riguarda il fatto che esse sono dei pezzi unici, la cui valutazione può essere effettuata unicamente da un soggetto esperto.
Possono essere definite dei veri e propri prodotti della natura: nascono come un agglomerato di carbonato di calcio che si forma all’interno di alcuni particolari molluschi, i più noti tra i quali sono certamente le ostriche.
Nella maggior parte dei casi gli esemplari presenti sul mercato provengono da allevamenti di molluschi, mentre quelle prodotte naturalmente sono molto rare e, di conseguenza, particolarmente preziose.
Così come avviene per le altre gemme, anche per le perle le dimensioni contano molto ed influiscono, insieme alla forma e ad altre caratteristiche che più avanti vedremo, sulla valutazione e sul prezzo di mercato.

La forma e la dimensione dei singoli esemplari dipendono da molti fattori: in primo luogo le dimensioni e le caratteristiche del mollusco perlifero, la grandezza del nucleo, il tempo di “permanenza in acqua”, oltre al clima e alle caratteristiche nutritive dell’ambiente in cui essi hanno origine.
Il risultato finale è in genere un piccolo globo, almeno nel caso delle perle di forma sferica, che sono di certo le più note e diffuse, che può raggiungere diametri variabili tra i 2 e i 20 mm.
Dimensioni maggiori, fino ai 50 mm, possono essere invece raggiunti dalle perle irregolari, le cui forme sono così varie e spesso affascinanti da sfuggire a qualsiasi tentativo di classificazione.


Sebbene la simmetria,la presenza di striature e il colore, oltre che la purezza, incidano sul valore complessivo, la classificazione più utilizzata è quella che riguarda la forma..
Tra le più utilizzate vi è la tripartizione della GIA, secondo la quale le perle possono essere distinte in:
– sferiche: rientrano in questa categoria gli esemplari rotondi o quasi rotondi
– simmetriche: esemplari che presentano due metà con caratteristiche identiche speculari.
– barocche: in questa categoria rientrano tutte le perle con forme irregolari.

Quanto al colore, è noto che la superficie delle perle sia caratterizzata da una buona capacità di rifrazione della luce, che crea sulla stessa degli interessanti riflessi multicolore.
La classificazione segue quindi la considerazione di tre componenti del colore:
– la tinta: ovvero la “prima impressione” del colore
– il valore: il grado di luminosità e, di contro, di oscurità. Maggiore è la tendenza al nero, minore è in genere il valore.
– la saturazione: intesa come purezza di colore.
Come avviene nelle gemme e nei diamanti in particolare, tutti questi parametri non sono mai considerati univocamente, ma sono presi in esame nel loro complesso e la loro combinazione, unita alla rarità,rappresentano il fondamento di ogni compiuta valutazione.

Quando le perle sono montate in un gioiello, assume rilevanza anche la tipologia. 
La forma più comune assunta dalle perle è sicuramente quella della collana ed è importante, qualora si intenda vendere, capire a quale categoria appartiene il monile in nostro possesso.
Può trattarsi di collana girocollo, tipo principessa, a uno o più fili, tipo ” a corda” o “opera”.
Il metodo più sicuro di capire di che collana si tratta, consiste nell’esame della documentazione consegnata con la stessa dal rivenditore, ma è comunque possibile chiedere una stima ad un esperto del settore.

Sebbene, come già accennato, gli spazi per vendere le proprie perle non sono molto ampi, è comunque possibile, con un po’ di pazienza e qualche ricerca, sfruttare buone occasioni e spuntare un buon prezzo.
Oltre alle case d’asta, ai banchi dei pegni, è possibile rivolgersi ad alcuni negozi di settore che ne effettuano una valutazione, spesso a pagamento e successivamente in base al valore propongono un prezzo di acquisto.
Nella maggior parte dei casi, purtroppo, questo sarà inferiore al valore effettivo del bene, in quanto il negoziante ha comunque l’obiettivo di guadagnare sulla successiva rivendita.
Una buona alternativa è costituita dai compro gioielli online, che oltre a procedure sicure per il ritiro e il pagamento, offrono prezzi molto allettanti, grazie al gran numero di pezzi movimentati, che permette loro di offrire ai propri clienti degli ottimi affari.

Leggi altro